La tavola dei prodotti stagionali locali si riempie grazie al rapporto stretto degli estoni con la natura.  Il popolo estone  conosce molto  bene le piante e  la raccolta di funghi e bacche nel bosco e l’uso di piante medicinali sono attività familiari  molto amate ancor’oggi. Poiché gli estoni apprezzano sempre più il cibo proveniente dalla natura locale o prodotto da aziende agricole biologiche, i prodotti locali sono entrati anche nelle  ricette particolari che arricchiscono il menù dei ristoranti più importanti.

La lunga linea costiera e i numerosi fiumi e laghi sono una delle ragioni per cui apprezzare i buoni piatti di pesce. Viaggiando sulle isole, sulla costa settentrionale e lungo la Romantica Via della spiaggia  di Pärnu vale la pena provare i ristoranti che offrono ottimi piatti di pesce.

La cucina estone tradizionale può sembrare a prima vista molto grassa: è stata influenzata dalla cucina tipica russa, scandinava, tedesca e il duro lavoro fisico ha sempre richiesto cibi nutrienti e calorici. Al giorno d’oggi in Estonia sono attivi molti ristoranti che offrono piatti tipici estoni ripresentati in chiave moderna e più sana, particolarmente in estate, quando si possono utilizzare verdure e frutti locali.

Necessità e desideri alimentari particolari

Una cucina sana e di alto livello non la troverete solo nei ristoranti, ma anche nelle spa e negli alberghi, che offrendo trattamenti curativi prevedono anche gustosi menù per chi predilige una dieta vegetariana, senza glutine o lattosio. In molte spa è possibile compilare una guida all’alimentazione, con l’aiuto di un esperto, sulla base della quale fare poi le proprie scelte nel menù della spa.

Chi desidera apportare correttivi più radicali alla propria alimentazione può provare l’esperienza di un campo digiuno per purificare il proprio organismo sotto la guida di esperti specialisti e imparare come passare più facilmente a un’alimentazione più sana.

Alla ricerca di cibo sano e biologico

Cibo estone sano (come ad esempio il pane nero, le conserve di pesce e i salami di selvaggina, molto caratteristici come suvenir) può essere acquistato nei grandi magazzini e ancor più alle fiere estive o ai mercati permanenti. I più conosciuti e interessanti anche da un punto di vista architettonico sono il mercato di Nõmme, il mercato del porto a Tallinn ed il mercato coperto di Tartu. Vale la penaaggiungere al proprio carrello della spesa di cibo estone sano anche i „kohukesed“ (dolcetti di ricotta ricoperta di cioccolato), i cetrioli acidi freschi e l’acqua minerale di Värska.

Sia  durante l’acquisto del cibo, che durante la permanenza nei luoghi di ristorazione, vale la pena  prestare attenzione all’apporto calorico e agli ingredienti,, ma anche ai  marchi che certificano la provenienza sana e biologica del cibo: ad esempio la spa-albergo di Kubija offre una colazione basata su cibo locale e riconosciuta con il marchio Uma Meki, mentre il menù della spa di Pühajärve porta l’Etichetta Biologica. Il Green Key è segno della collaborazione con i produttori biologici. Poiché molte ricerche dimostrano che negli ortaggi, nella carne e nel latte prodotti da agricoltura biologica si trovano più sostanze utili alla salute che nelle produzione normale, tali marchi sono utili a molte persone.