I tedeschi del Baltico hanno costruito la maggior parte delle chiese estoni. Fino al XIX secolo, la chiesa rappresentava l’unica fonte di educazione nelle campagne, e la maggior parte dei villaggi possiede una chiesa di grande importanza architettonica.

Nei decenni precedenti la fine dell’Impero Russo (1917), il potere zarista fece grandi sforzi per diffondere il culto Russo-Ortodosso in Estonia. La costruzione dell’imponente Cattedrale Nevsky, sul punto più alto di Tallinn, è un chiaro esempio di quella tendenza.

Negli anni ’20 del Novecento, fu messa in cantiere l'idea di demolirla (a modello di quanto già successo in Polonia), ma fortunatamente questi piani non furono mai realizzati.

Al giorno d’oggi, la comunità ortodossa in Estonia si divide tra la Chiesa Ortodossa Moscovita e quella Estone, che fa imvece capo alla Chiesa Greco-Ortodossa.

La comunità dei Vecchi Credenti si è si è costituita in riva al lago Peipus dopo lo scisma della Chiesa Ortodossa nel XVII secolo. All'epoca, i membri furono banditi e da allora sono rimasti separati una comunità autonoma e isolata. Durante il vostro soggiorno sul lago non dimenticate di visitare la Chiesa di Raja, illuminata esclusivamente da candele di cera d'api, in quanto i Vecchi Credenti non approvano l’utilizzo dell’elettricità.

A Tallinn, prima della Seconda Guerra Mondiale, una sinagoga sorgeva dove ora si trova il centro commerciale Kaubamaja, ed erano presenti comunità ebraiche anche a Tartu e Valga. Una nuova sinagoga è stata inaugurata a Tallinn nel 2007 al numero 16 di Karu tn.

Invece di mettere la religione totalmente al bando, il regime sovietico fece tutto il possible per scoraggiare qualunque attività religiosa durante l'occupazione dell’Estonia. I credenti dichiarati erano banditi dalla maggior parte dei posti di lavoro più importanti. 

Messe in inglese si svolgono ogni domenica, nella Chiesa Luterana dello Spirito Santo.

Prima di visitare le chiese dell’Estoniaconsultate l’opuscolo “Chiese per viaggiatori” che fornisce brevi descrizioni di circa 200 chiese in tutta l’Estonia e riporta informazioni sugli orari di apertura.

Ognuna delle principali confessioni dispone di un sito internet con ulteriori informazioni sui servizi offerti e il loro funzionamento.

In Estonia, per visitare delle antiche chiese in legno, non esiste luogo migliore  dell’Isola di Saaremaa.