Sebbene queste qualità siano tutte vere, esse vengono spesso nascoste come un tesoro prezioso. Cercando di evitare di essere persone invadenti o aggressive, gli estoni (compreso il personale di servizio) sono riservati e aspettano che siate voi a fare la prima mossa. Una volta rotto il ghiaccio riceverete in cambio un comportamento gentile e onesto. I complimenti fatti da un estone sono genuini, le strette di mano hanno valore e gli inviti vengono dal cuore. Non c’è da sorprendersi che, nell'opinione di molti, gli estoni siano considerati dei veri amici.

L’umorismo estone è secco, sarcastico e molto spesso politicamente scorretto, un po' nello stile di quello britannico. Gli scherzi che hanno gli estoni stessi come oggetto di scherno sono comuni, ma saranno più facilmente accolti con un grande sorriso, piuttosto che con una sonora risata.

Se chiedete agli estoni di cantare ad alta voce, si rifiuteranno gentilmente nonostante molti estoni cantino o abbiano cantato in un coro: i festival nazionali del canto e della danza (di ricorrenza quinquennale) sono i più grandi raduni in Estonia: centinaia di migliaia di estoni si ritrovano per ascoltare fino a 20.000 cantanti e vedere migliaia di persone danzare balli tradizionali.

In contrasto, gli estoni sono gli inventori di Skypedel parcheggio pagabile con cellulare, delle votazioni elettroniche e di molte altre tecnologie e soluzioni innovative. Molti servizi IT, come l’internet banking, protocolli medici e anagrafici online, biglietti digitali, connessione wireless completa e un’eccellente copertura di rete mobile sono tanto naturali quanto l’aria e l’acqua per gli estoni di oggi

L’Estonia è uno dei paesi meno religiosi del mondo ma gli estoni apprezzano le tradizioni. Le festività e i rituali cristiani vengono spesso mescolati a quelli pagani. Un buon esempio è il 2 Novembre, festa di Ognissanti: il giorno prima, molti vanno in visita nelle chiese e alle tombe dei propri cari e di notte accendono candele dietro le finestre per salutare le anime erranti.

Artigianato tradizionale e tradizioni culinarie vengono trasmesse di generazione in generazione. Ogni anno, da Luglio a fine Settembre, gli estoni sono occupati nella raccolta di bacche e funghi. Marmellate, conserve di verdure e funghi fatte in casa che sono una vera delizia! I cibi preferiti sono: carne trita in salsa di panna (hakklihakaste), cavoli bolliti, carne in gelatina e patate al forno con arrosto di maiale. Anche pollo e pesce affumicato o salato sono pietanze molto amate. In estate, le grigliate e il barbecue sono una parte importante di ogni raduno familiare. Non potete non provare la birra estone e la bevanda analcolica kali (una cola in stile locale) così come dovete assolutamente provare il prosciutto affumicato o le salsicce di cervo, cinghiale, alce e cavallo! Se pensate a un souvenir originale, un prodotto alimentare tipico di sicuro darà una gioia maggiore di un normale souvenir!

Gli estoni amano la natura e se ne sentono parte: nel fine settimana fanno spesso escursioni a piedi, campeggiano o semplicemente passeggiano nelle foreste o in riva al mare.

Mare e foreste entrambi da sempre hanno un ruolo importante nella storia locale. Gli estoni sono orgogliosi e rispettosi della natura selvaggia e pulita del loro Paese e della ricchezza, della flora e della fauna locali. La pesca e la vela sono molto diffuse e in inverno lo sci di fondo è l'attività preferita della maggior parte degli estoni.

La maggioranza delle case di campagna (e perfino molti appartamenti di città) hanno una sauna ed il rito della sauna è una parte importante nei momenti sociali ed igienici estoni. Se avete intenzione di provare, preparatevi psicologicamente: la temperatura è alta (la sauna è considerata calda solo a partire da 80° Celsius) ed in sauna si entra completamente nudi. Dopo la sauna ci si rinfresca tuffandosi in un lago in estate o rotolandosi nella neve in inverno.

Oltre a natura, sauna e grigliate, la fotografia è probabilmente il passatempo più comune in Estonia. Altri fattori d'interesse sono le automobili e le novità tecnologiche. Il numero di Hummer per persona è il più alto al mondo ed è difficile incontrare un giovane estone senza telefono cellulare, computer portatile (naturalmente con accesso a internet) e un blog, una pagina Twitter o un profilo personale in uno dei popolari social network come Orkut, Facebook o Rate.ee.

Il ciclo scolastico inizia a 7 anni e continua per i successivi 12. Sebbene la matematica, la  fisica e le scienze coprano gran parte del programma di studi, tutti imparano almeno 2 lingue straniere; le più insegnate nelle scuole sono l’inglese e il russo ma anche il francese, il tedesco e lo svedese sono alternative comuni.

I giovani estoni di solito cominciano la loro carriera lavorativa molto presto, già durante gli studi universitari. Economia, giurisprudenza e medicina sono le aree di studio più seguite. L’Università di Tartu, famosa per le discipline mediche e scientifiche, è una delle più antiche d’Europa e non è un caso che la percentuale di laureati in Estonia sia una delle più alte d’Europa.

Anche teatro, arte e lettura formano una parte importante della cultura estone: c’è un teatro in ogni città e vi sorprenderà vedere quanti libri gli estoni tengano in casa. Ci sono numerose gallerie d’arte in Estonia: la più grande e famosa è il Museo d’arte moderna KUMU.